CETPM - Centre of Excellence for TPM

Il Centre of Excellence for TPM è una istituzione non profit nella scuola universitaria professionale di Ansbach in Germania quale si occupa:

Il CETPM è divenuto in breve tempo nella zona europea il punto centrale di referenza per questioni di TPM.

Il CETPM offre

TPM

TPM (Total Productive Maintenance)
È un sistema di produzione strutturato che incrementa la produttività tramite una manutenzione preventiva con adeguata revisione dei macchinari al quale partecipano gli operatori macchina. Gli impianti produttivi devono essere utilizzati al massimo, a questo scopo vengono formati gli operatori, documentate le revisioni, regolate le competenze, visualizzati i problemi e le fasi di lavorazione etc.

L’elaborazione di questo sistema fara di esso un Tool manageriale :

TPM (Total Productive Management)
Nel modello manageriale Total Productive Management non vengono solo considerati gli impianti ma tutta l’impresa con tutti i suoi processi. In tal modo si fa si che le perdite e gli sprechi possano essere scovati e le loro cause combattute. In questo sistema il dipendente costituisce lo strumento più importante. Tramite motivazione, formazione e continuo miglioramento di esso tutto il saperfare e le abilita verranno messe a disposizione del azienda. In conclusione la persona motivata sta nel focus di questo strumento manageriale e dovrà essere gestita dai dirigenti con ragione portando ad una evoluzione del Total Productive Maintenance verso il Total Productive Management in se con applicazione su tutta l’azienda.

Le 16 grandi perdite

Macchine e impianti = perdite principali
1. stasi programmate
2. pulizie
3. stasi >10 minuti
4. ricalibrare
5. avarie
6. perdite di avviamento
7. perdite di tempo
8. difetti e rilavorazione

Peredite per causa humana = perdite della manodopera
9. pianificazione e organizazione
10. organizazione delle line, mancanza di automazione
11. capacità
12. misurare e regolare
13. perdite logistiche

Perdite di materiale = perdite nella produzione
14. rifiuti e scarti
15. utensili
16. perdite energetiche

 

OEE

TPM in primis mira ad un miglioramento della Overall Equipment Effectiveness (OEE), in italiano: Efficacia Globale Impianto (EGI)!

OEE = coefficiente operativo x coefficiente di performance x coefficiente di qualità

Indici di misura per l’efficienza delle azioni TPM
(secondo gli obbietivi tipo del PQCDSM del CETPM)
P = produttività
1. produttività del output
2. Overall Equipment Efficiency OEE (Efficacia Globale Impianto)
3. coefficiente utilità impianto
4.reduzione delle stasi
5. riduzione dei tempi di calibramento

Q = qualità
1. reclami clienti
2. reclami interni
3. perdite di materiale
4. divergenza dallo standard

C = costi
1. costi di fabbricazione
2.utilità
3. costi rilevanti tempo / risparmi

D = servizio
1. giacenza di magazzino
2. coefficiente di servizio esterno
3. coefficiente di servizio interno

S = sicurezza
1. sicurezza sul lavoro
2. protezione ambientale
3. protezione salutare

M = motivazione
1. abilita
2. miglioramenti
3. assenze

I pilastri della casa TPM

Kobetsu KAIZEN / Miglioramento continuo
In questo pilastro vengono cercate, definite e ridotte o completamente rimosse le perdite di effettività degli impianti produttivi. Facendo cosi si fa si che salga l’OEE. A questo scopo vengono analizzate le perdite in base alle 16 grandi perdite, vengono definiti progetti chiave, fondati teams interfunzionali e viene attivato il processo di miglioramento continuo. Tutto questo avviene con l’aiuto dei metodi e utensili di miglioramento TPM.

Manutenzione autonoma
L’obiettivo della manutenzione autonoma è di formare in 7 gradini i conduttori machina a eseguire delle piccole revisioni, pulizie e lubrificazioni in proprio. Attività di training e formazione preparano l’operaio a questi compiti. In oltre il personale di produzione sarà in grado di rilevare perdite di effettività del l’impianto. Anche qui si mira a un miglioramento della OEE.

Manutenzione pianificata
Tramite una manutenzione temporizzata e statuaria, tramite controlli e miglioramento dei pezzi di ricambio e tramite altre operazioni (formazione dei manutentori) viene elaborata una strategia di revisione efficiente e strutturata. Un obbiettivo di questa strategia e l’incremento del OEE.

Formazione & addestramento
In questa colonna fondamentale per tutte le altre ce l’uomo nel centro. Vi non si formano soltanto l’operagli nelle competenze professionali, metodiche e sociali ma vi viene migliorata la cooperazione fra i reparti, viene attivato il potenziale e il sapere dei dipendenti e vengono formati gli istruttori.. La stima dei dipendenti rende questi più accoglienti per cambiamenti e apprendimenti.

Gestione del avviamento
Nuovi prodotti, sistemi e impianti vengono pianificati anticipatamene, intersettorialmente e con il coinvolgimento dei fornitori. L’obiettivo della gestione del avviamento è la riduzione dei tempi di sviluppo per prodotti nuovi e impianti e la diminuzione delle fasi di avviamento per neoavviamenti. Il Redesign rappresenta uno dei metodi usati.

Mantenimento della qualità
Sistemi di qualità, analisi e miglioramenti riducono i reclami e le perdite di malproduzione. TPM-tools come la analisi 5W1H, la strategia del otto etc. Facendo cosi si è in grado di definire gli standard di qualità, riconoscendo gli errori in tempo, analizzando le proposte di miglioramento, etc. Questo si ottiene con una costante cooperazione dei reparti produzione, qualità, sviluppo e manutenzione.

Protezzione del ambiente & sicurezza
Nel mirino di questo pilastro ce l’inquinamento dovuto alla produzione, l’impegno di risorse ottimizzato e la sicurezza dei dipendenti nei posti di lavoro e lungo tutta la linea di produzione. Gli operatori non devono essere danneggiati dal lavoro. Vi si cercano e visualizzano fonti di inquinamento e pericolo, falle etc. per quali vengono elaborate, messe in opera e di seguito controllate soluzioni. In più viene incrementata la cooperazione con i vigili del fuoco, la protezione civile o con l’ente di sanità.

TPM nei offici
Questo pilastro si occupa di tutti i processi aziendali, di tutti i clienti interni e esterni e dei rapporti con i fornitori. L’Office-TPM include il più grande reparto aziendale. Gli obiettivi principali della colonna sono l’ottimizzazione degli sprechi e delle perdite.

Per ulteriori informazioni la pregiamo di visitare la website del CETPM in inglese o tedesco, grazie.

© 2005 - 2018 Centre of Excellence for TPM at Ansbach University of Applied Sciences · info@cetpm.de
Contact · Imprint · Privacy Policy